top of page
Search

How to sell yourself at interview without feeling boastful.

In any interview, your ultimate goal is to demonstrate that you’re a great match for the job. But you still might get taken aback when asked outright why you’re such an ideal candidate. Isn’t it the interviewer’s job to decide whether you’re a great match? Recruiters and HR managers do their own bit when it comes to lining up your background with the job using their experience and expertise but when interviewers ask this question, they want to know that the interviewee has connected the dots between their skills and the requirements of the role. Interviewers are also looking to see that you’ve put thought into how you’d thrive in this job and understand how you’re uniquely qualified for the position. Other ways of posing the question are: “Why should we hire you?” and “Why are you the best person for the job?”


So don’t get caught off guard by this question, rather prepare for it well before the interview.

5 Tips for creating the best answer

Use these easy steps to prepare before going into your interview:

1. Research the company & the JD

Study the job posting and research the company ahead of your interview. Check out their Linkedin profile and website. Don’t be afraid to network on LinkedIn. Study the background of the people interviewing you and search for any internal insights into what the company is looking for. Your goal here is also to learn more about the company culture before going into your meeting.

2. Discover what makes you unique

Once you know what a company needs, you can figure out how you can fit their needs. Write down what skills you have that make you unique and therefore add value. With your answer you’ll want to “try to demonstrate why you’ll succeed in the role and add value to the team—and why you’re excited for the role,” What additional skills do you bring to the team or company beyond the requirements of the job description? Do you have a unique perspective on the industry or the company’s product? Go beyond a simple response. Instead give an answer that blends your current and past experiences, unique skills, and personal passions and interests in a way that’s specific to the company and unique to you.

3. Include examples

Stories resonate much better than just listing all the skills for the position. So wherever possible, you want to work examples into your answer. Examples are always great because they not only are unique to you, but they also give great context and insight. Strong examples will back up what you’re saying and help you stand out from the pack.

4. Keep it simple

Ensure your answer is concise, to the point, summarised and clear. There is nothing worse than the person who rambles on and on. For example, you might use one story to emphasize two key skills you bring to the role, or briefly remind your interviewer of something you spoke of earlier that makes you a good candidate. Only provide information that is relevant and necessary for the interviewer to understand your response. Avoid going off on tangents, providing too much information, or being too vague.

5. Don’t be shy to float your own boat!

What makes you so special? Many people are very uncomfortable answering this question because it feels boastful to them. It depends how you are doing it of course. If communicated in a confident yet humble manner (so not arrogantly) you will leave a remarkable impression and again, stand out from the crowd. Remember that interviewers are looking for hires who are confident in their skills, and job interviews are meant for showing off your accomplishments.

However, if you’re someone who has trouble talking about themselves in such a manner, you can: Mention how others have praised your skills and found them useful. Back your points up with examples, details, and numbers. Make objective connections to the role.

If you want to see how this advice might come together in a proper and perfect answer, during my career advising sessions we work not only the Enneagram Assessment to discover your personality and what makes you unique but also delve into how to prepare for interviews, undergo interview preparation coaching to ensure your leave your mark.

VERSIONE ITA

Come presentarti al colloquio senza sentirti spaccone.

Quale che sia il tipo di colloquio che stai sostenendo, il tuo obiettivo principale è quello di dimostrare che sei un ottimo candidato per la posizione richiesta. Tuttavia, potresti sentirti preso alla sprovvista quando ti viene chiesto apertamente perché potresti essere il candidato ideale. Non è compito dell'intervistatore decidere se sei la persona giusta per quel lavoro? I reclutatori e i responsabili delle risorse umane fanno la loro parte quando si tratta di allineare il tuo background con il lavoro utilizzando la propria esperienza e professionalità, ma quando gli intervistatori fanno questa domanda, vogliono accertarsi che il candidato abbia collegato tutti i puntini tra le sue competenze e i requisiti del ruolo. Gli intervistatori, inoltre, cercano di capire se hai pensato bene a come potresti crescere in quel determinato lavoro e in che termini potresti essere il candidato più qualificato per quella posizione. Altri modi di porre la domanda sono: "Perché dovremmo assumerti?" e "Perché saresti la persona più adatta per questo lavoro?”. Dunque, non farti cogliere impreparato e predisponi per bene tutto prima del colloquio.

5 consigli per trovare la risposta migliore


Preparati prima di sostenere il colloquio seguendo questi semplici passaggi:

1. Fai ricerche sull’azienda e leggi attentamente la descrizione del lavoro


Studia l'annuncio di lavoro e fai ricerche sull'azienda prima di affrontare il colloquio. Dai un’occhiata al profilo Linkedin e al sito web dell’azienda. Non temere di fare rete su LinkedIn. Scopri quali sono la formazione e le esperienze professionali di coloro che ti faranno il colloquio e passa in rassegna qualsiasi informazione interna su ciò che l’azienda sta cercando. Il tuo obiettivo in questo caso è anche quello di imparare di più sulla cultura dell'azienda prima di andare al colloquio.

2. Scopri cosa ti rende unico


Solo sapendo di cosa ha bisogno un'azienda, puoi capire come soddisfare le sue esigenze. Scrivi quali sono le competenze che ti rendono unico e che ti valorizzano. Con la tua risposta desideri "spiegare perché riuscirai a svolgere con successo il tuo ruolo, apportando valore al team - e perché sei entusiasta del ruolo". Quali competenze aggiuntive offrirai al team o all'azienda oltre ai requisiti richiesti nella descrizione del lavoro? Hai una prospettiva unica sul settore o sul prodotto dell'azienda? Vai oltre una semplice risposta. Piuttosto, danne una che combini le tue esperienze attuali con quelle passate, le tue competenze specifiche, le tue passioni e i tuoi interessi personali in un modo che sia pertinente per l'azienda e unico per te.

3. Includi esempi


Raccontare di te è molto più emozionante che fare un semplice elenco di tutte le competenze richieste per una determinata posizione. Dunque, laddove possibile, potresti includere degli esempi nella tua risposta. Gli esempi costituiscono sempre un’ottima soluzione perché non solo sono unicamente tuoi, ma offrono anche il contesto ideale e maggiori approfondimenti su di te. Esempi forti sosterranno quello che stai dicendo e ti aiuteranno a distinguerti dagli altri candidati.


4. Resta sul semplice


Assicurati che la tua risposta sia concisa, pertinente, chiara e sintetica. Non c'è cosa peggiore dei candidati che divagano in continuazione. Per esempio, potresti utilizzare un racconto per sottolineare due competenze chiave che offriresti al ruolo o ricordare brevemente al tuo intervistatore qualcosa di cui avete parlato prima e che ti rende un buon candidato. Fornisci solo le informazioni che possono essere rilevanti e necessarie all'intervistatore per comprendere appieno la tua risposta. Evita di partire per la tangente, di fornire troppe informazioni o di essere troppo vago.

5. Non vergognarti di tirare l’acqua al tuo mulino!


Cosa ti rende speciale? Molte persone si sentono particolarmente a disagio a rispondere a questa domanda perché sembra che si vantino. Naturalmente, dipende da come lo fai. Se comunichi in modo sicuro, ma umile (dunque non in maniera arrogante) farai un'ottima impressione e ti distinguerai nuovamente dalla massa. Ricorda che gli intervistatori sono alla ricerca di candidati che siano fiduciosi nelle proprie capacità e i colloqui di lavoro sono pensati proprio per mettere in mostra i tuoi successi.

Tuttavia, se non ami parlare di se stesso in questi termini, potresti: menzionare come gli altri abbiano lodato le tue capacità e le abbiano trovate utili; rafforzare i tuoi argomenti con esempi, dettagli e numeri; creare connessioni mirate con il ruolo.

Se desideri capire come questi consigli possano confluire in una risposta adeguata e perfetta, durante le mie sessioni di consulenza professionale lavoreremo non solo al Test dell’Enneagram per scoprire la tua personalità e ciò che ti rende unico, ma approfondiremo anche come prepararti per i colloqui e affronteremo esercitazioni preparatorie che ti garantiranno di lasciare il segno.


46 views0 comments

Recent Posts

See All
bottom of page